Ecco perchè mi sono avvicinata al Babywearing

Mi sono avvicinata al Babywearing per il forte bisogno di contatto con mia figlia!
Il mio percorso come mamma non è stato come l’immaginavo. Non è andata secondo i miei piani, tutto al contrario di tutto, sono uscita dall’ospedale piena di paura, incertezza e sensi di colpa.

Giulia é nata un venerdì di Luglio e dopo aver visto la luce, di una sala parto non è stata con me, ci siamo scambiate solo uno sguardo breve, forse anche troppo breve!

Ricordo di averla vista soltanto il giorno seguente al parto, con la paura e il senso di colpa di non riconoscerla!
Ho toccato il suo corpo e sentito il suo odore solo la domenica e dalla forte emozione le gambe non mi reggevano.

Mi sono sentita una madre sbagliata, una madre che abbandonava la propria figlia mentre si disperava!

Tornate a casa era così accecante la voglia di starle vicino che mi risultava difficile condividerla con altri!
Cercavo qualcosa che mi rimettesse in contatto con lei, qualcosa che fosse solo nostro, qualcosa che ci tenesse ancora per un po’ legate senza che nessuno potesse dividerci!

Il babywearing è entrato così nella mia vita, prepotentemente, come la voglia di averla solo per me!

Oggi Giulia ha due anni e in fascia ci sale poco e per le coccole! La voglia di esplorare e correre è troppo forte ma non importa, ogni volta che vorrà io sarò pronta a legarmi a lei anche solo per due minuti anche solo per un bacio!

Hai vissuto un’esperienza come la mia? Chiedimi tutte le info che vuoi 

Articolo creato 11

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.